Ristrutturare il bagno: tutto ciò che devi sapere prima di iniziare

Woman and a girl sitting by the side of the roof window

Ristrutturare il bagno è un momento delicato, non solo per la portata e il costo dei lavori che possono essere impegnativi anche nel bagno più piccolo, ma perché l’obiettivo è realizzare una stanza funzionale ma anche bella e accogliente, una vera oasi di relax.

Come ristrutturare il bagno di casa? Tutti gli step da seguire

Per arrivare al tuo bagno ideale devi pianificare bene ogni dettaglio, partendo da questi passi preliminari:

  1. decidi a chi affidare la ristrutturazione
  2. cura la disposizione del bagno
  3. scegli i sanitari
  4. decidi quali rivestimenti usare
  5. scegli i colori
  6. cura la scelta e la disposizione dei mobili
  7. usa la luce naturale
  8. dai al bagno la migliore qualità dell’aria

1. Decidi a chi affidare la ristrutturazione

Ristrutturare un bagno significa rifare impianti, pavimenti, rivestimenti delle pareti, installare nuovi sanitari, pensare a come illuminarlo e garantire un ottimo ricambio d’aria.

Una soluzione è scegliere un'impresa che abbia tutti i professionisti necessari e coordini i lavori. In ogni caso, il tuo compito sarà controllare stato e calendario degli interventi per assicurarti che siano eseguiti secondo gli accordi.

Il budget può variare molto, ma ricorda che puntare sulla qualità ti garantirà una stanza destinata a durare nel tempo.

2. Cura la disposizione del bagno

Per progettare il tuo bagno, inizia dalla disposizione dei sanitari, valutando dimensioni e forma della stanza. La regola di base è posizionare wc e bidet affiancati o di fronte per poterli usare comodamente. Il lavabo di solito è vicino ai due sanitari, a lato o di fronte.

Vasca o doccia? Se hai spazio, è utile averle entrambe e puoi disporle come preferisci. Se invece il bagno è piccolo, puoi chiudere un lato della vasca con pareti in vetro per avere una soluzione due in uno.

Un’altra idea salvaspazio? Installare una finestra per tetti al posto della finestra verticale per liberare tutte le pareti e organizzare meglio la stanza.

3. Scegli i sanitari

Per wc e bidet, la scelta è tra i modelli classici, a filo muro o sospesi. Il lavabo deve avere dimensioni adeguate alla stanza e se hai bisogno di un contenitore in più, scegli un modello con mobile.

La vasca? I modelli angolari o freestanding sono straordinari, ma solo se il bagno ha dimensioni altrettanto straordinarie: in alternativa, meglio la classica vasca a incasso da rivestire come preferisci.

Se scegli di avere solo la doccia, puoi realizzarne una più ampia e dotata di una colonna multifunzione per sentirti ogni volta nel tuo personale centro benessere casalingo.

4. Decidi quali rivestimenti usare

Piastrelle in pietra, gres, mosaici, resine, microcementi: hai tutta la scelta che vuoi per rivestire il tuo bagno. Ricorda che le piastrelle grandi hanno meno fughe e lo faranno sembrare più ampio, e così le resine e i microcementi che creano un rivestimento uniforme.

Le fughe possono comunque essere un elemento di decor in più se in contrasto con il colore delle piastrelle: l’importante è che siano realizzate con materiali resistenti e facili da pulire.

5. Scegli i colori del tuo bagno

Sia per i rivestimenti che per i mobili, le tinte tenui e neutre funzionano sempre: favoriscono il relax, riflettono la luce e aumentano la sensazione di ampiezza e luminosità.

Se il bagno riceve molta luce naturale, puoi comunque scegliere colori accesi o scuri senza temere che risulti più piccolo e buio: una finestra per tetti che porta più luce ti permette di osare un colore carico per mobili o rivestimenti.

6. Cura la scelta e la disposizione dei mobili

I mobili del bagno devono essere versatili e funzionali, oltre che belli e di materiali resistenti a calore e umidità.

Come in ogni stanza, anche in bagno devi poterti muovere comodamente: le soluzioni modulari come il lavabo con base contenitore o un mobile a specchio salvano spazio e possono contenere gli accessori che usi ogni giorno. E ricorda anche di sfruttare lo spazio in altezza con mensole e mobili a colonna.

7. Usa la luce naturale

In bagno, la luce naturale è indispensabile per illuminare in modo uniforme e permetterti di vedere bene, oltre che per risparmiare sull’uso della luce artificiale.

Anche se c’è già una finestra a parete, puoi aggiungere le finestre per tetti per portare ancora più luce, specie se è piccolo. Se il bagno è ampio e diviso in zone funzionali, puoi posizionare la finestra sul tetto per illuminare e dare carattere a una zona come quella del lavabo o della vasca.

Ne guadagni anche in privacy, perché la finestra a parete può restare sempre opportunamente velata da una tenda.

8. Dai al bagno la migliore qualità dell’aria

Un’ottima ventilazione in bagno significa far uscire velocemente calore, odori e umidità, evitare la formazione di condensa e mantenere la stanza nelle condizioni migliori.

Con una o più finestre per tetti VELUX ti assicuri salute e aria fresca. Puoi aggiungere anche il sistema VELUX ACTIVE® che monitora temperatura e livello di umidità e controlla in modo automatico apertura e chiusura delle finestre, per un ricambio d'aria sempre efficace.

Ora sai come affrontare la ristrutturazione del bagno passo per passo: puoi prepararti a creare la tua oasi di relax e benessere, luminosa e funzionale proprio come l’hai sempre immaginata.