Come costruire la casa dei tuoi sogni e renderla perfetta grazie alla luce naturale

Person installing VELUX roof window

Costruire un’abitazione da zero è un’avventura impegnativa ma altrettanto elettrizzante, l’occasione per dare vita alla tua casa dei sogni, perfetta in ogni particolare.

Dal progetto alla costruzione, i passi da affrontare e i dettagli da tenere sotto controllo sono molti: ecco alcuni consigli utili per partire e proseguire bene, con un’attenzione speciale all’illuminazione naturale e ai suoi benefici all’interno di ogni ambiente.

I primi passi essenziali per progettare la nuova casa

Per avviare al meglio il tuo progetto dovrai considerare alcuni step iniziali importanti: scegliere il tipo di casa, definire e distribuire il budget, decidere se affidarti alla consulenza di un professionista come un architetto, conoscere gli errori più comuni e come evitarli.

Scegli la tecnologia costruttiva

L’edilizia ti mette a disposizione soluzioni diverse e può soddisfare l’attenzione ai temi della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, per costruire edifici controllando l’impatto sull’ambiente e contenere i costi di riscaldamento e raffrescamento.

Un esempio: le case prefabbricate in legno sono un’alternativa ecosostenibile, con tempi di costruzione spesso più snelli rispetto alla classica casa in muratura.

Definisci il tuo budget

Costruire una casa nuova da zero è un impegno finanziario notevole e il budget va definito e distribuito con cura tra le tante voci di costo, tra le quali:

  • terreno e permessi per costruire
  • tecnico e impresa di costruzione
  • fondazioni e strutture
  • tetto e pareti
  • infissi e impianti
  • finiture.

Se puoi, prevedi un budget extra per le spese impreviste, che in un progetto di questa portata possono verificarsi con facilità.

Scegli il tuo team di professionisti

Pianificare è la parola d’ordine quando si costruisce una casa da zero: la scelta migliore è affidarti a tecnici abilitati (architetti, progettisti, ingegneri edili, geometri a seconda dei lavori) che ti segua in tutte le fasi e magari scelga e coordini l’impresa o i professionisti che costruiranno l’edificio.

Come scegliere i professionisti che ti accompagneranno nel tuo nuovo progetto? Contattane più di uno, informati sui progetti realizzati, chiedi di spiegarti come funzionerà la consulenza e la comunicazione con te.

Evita gli errori più comuni 

Costruire una casa nuova richiede esperienza e un architetto ti aiuterà a gestire al meglio il tuo progetto.

Fai comunque attenzione a questi aspetti:

  • nella fase di progettazione, non rimandare nessuna decisione: è bene che tutto sia definito dall’inizio per non interrompere i lavori e causare ritardi
  • chiedi all’architetto di definire un calendario degli interventi per sorvegliare il processo di costruzione
  • non cambiare idea durante i lavori: modificare un particolare minore è sempre possibile, ma cambiamenti più radicali a lavori iniziati possono avere conseguenze imprevedibili su costi, tempi e sulla qualità della collaborazione con i professionisti che stanno costruendo la casa.

Progettare la luce naturale

Una casa luminosa è al centro dei desideri di chiunque stia progettando una nuova abitazione, ma cosa significa curare l’illuminazione naturale?

Quando ne parli con il tuo progettista, è importante avere consapevolezza del ruolo fondamentale della luce e del modo in cui portarla in tutti gli ambienti. 

Perché preoccuparsi della luce naturale?

Per iniziare, per poter godere dei suoi benefici principali:

  • la luce contribuisce a migliorare l’efficienza energetica e il clima interno di un edificio, contribuendo a scaldarlo e quindi a ottimizzare i consumi energetici e a risparmiare sui costi del riscaldamento. Lo stesso vale per i consumi di elettricità: una casa ben illuminata dipende meno dalla luce artificiale
  • la luce fa bene alla salute: passiamo molto tempo in casa e l’esposizione alla luce naturale stimola la produzione di serotonina, l’ormone del buonumore, e di vitamina D che contribuisce al buon funzionamento del sistema immunitario. La luce naturale ci permette di vedere bene, non affatica la vista e aiuta i bambini in crescita a svilupparla in modo corretto
  • la luce ci assicura un buon sonno. Suona strano? La giusta alternanza di luce e buio durante la giornata regola al meglio il nostro ritmo circadiano, cioè il ritmo sonno-veglia: la luce diurna ci permette di essere attivi e produttivi per poi dormire bene di notte, quando è buio.

Quanta luce è necessaria in casa e come distribuirla?

La luce naturale deve essere abbondante e distribuita con attenzione per fare in modo che provenga da più direzioni. Se le aperture - finestre e porte finestre - sono posizionate tutte su un solo fronte, la luce fatica ad arrivare in profondità e l’ambiente può diventare sbilanciato e poco versatile.

Meglio, quindi, se le finestre saranno ben distanziate e posizionate in punti diversi delle stanze, coinvolgendo se possibile almeno due pareti e tenendo in considerazione anche il soffitto, prevedendo una o più finestre per tetti. 

Ci sono stanze in cui è necessario portare più luce?

In generale, le stanze dedicate ad attività che richiedono concentrazione e impegno cognitivo, e nelle quali passiamo molto tempo nella parte centrale della giornata, devono ricevere molta luce naturale: alcuni esempi sono lo studio, la cameretta dei bambini, il living.

In ogni caso, portare molta luce in ogni ambiente funziona sempre: anche la cucina può essere un luogo in cui amiamo passare il tempo e dove la luce naturale aiuta a svolgere meglio ogni attività, e una stanza come il bagno richiede un’ottima illuminazione per routine quotidiane come truccarsi o radersi.

Progettare la luce pensando al futuro

Negli ultimi anni abbiamo visto gli ambienti di casa evolvere e diventare sempre più flessibili e multifunzionali: ci alleniamo in camera da letto, usiamo il soggiorno per lavorare mentre i bambini giocano o studiano. 

Progettare una buona distribuzione della luce è dunque anche un segno di lungimiranza: le abitudini e le necessità cambiano e un ambiente luminoso in ogni suo punto è naturalmente predisposto ad accogliere i cambiamenti che verranno.

Quando pensare alle finestre per tetti?

Prevedile fin dall’inizio, sapendo che una finestra per tetti fornisce almeno il doppio della luce rispetto a una finestra verticale di pari dimensioni e le permette di raggiungere anche le porzioni degli ambienti più distanti dalle finestre verticali. 

Con le soluzioni VELUX hai a disposizione una gamma ampia di finestre tra cui scegliere quella migliore per ogni tetto e ogni stanza, per studiare come disporle, per esempio affiancate o sovrapposte, e aumentare l’ingresso della luce in ogni ambiente. 

Conoscendo bene il ruolo della luce naturale, i vantaggi per la tua casa e per la salute e il benessere di tutta la famiglia, hai un elemento fondamentale in più per sapere come realizzare il miglior progetto possibile per la tua futura casa. Con i servizi VELUX ora puoi trovare la soluzione migliore per la scelta delle finestre per tetti e di tutti gli accessori.