Da fabbrica in città a loft immerso nella natura

IconGuarda il video completo

Trovare una mediazione tra la tranquillità della campagna e la frenesia della città è il sogno di molti. Eppure, anche chi brama una vita bucolica spesso non riesce ad abbandonare i centri urbani per trasferirsi in zone rurali, spesso più isolate. La città offre senza dubbio maggiori servizi e consente una migliore organizzazione per giovani professionisti con una famiglia in crescita.

Tra le fronde degli alberi sul loro splendido terrazzo, abbiamo incontrato gli architetti Valeria Federighi e Walter Patella dello studio Wworks ci hanno raccontato il loro inusuale progetto di ristrutturazione che ha trasformato un’ex officina nella loro casa di famiglia: un loft moderno e luminoso, in città ma immerso nel verde.

L’importanza di portare la natura in casa

Siamo vicini al centro di Torino. Davanti ai nostri occhi si apre un cortile immerso nel verde, con un’imponente struttura in legno sopra l’ingresso dell’abitazione: è la casa sull’albero costruita proprio da Walter per le sue due bambine. Davanti all’ingresso di casa cinque betulle e un grande tasso compongono un piccolo boschetto privato. Capiamo subito che la natura sarà una dei protagonisti di questa storia.

“La più grande sfida di questo progetto di ristrutturazione è stata provare a ricreare la sensazione di vivere in campagna, stando città. Siamo entrambi architetti, ma io amo il silenzio e la tranquillità e Valeria la frenesia e la varietà della città” - racconta Walter.

Quando i due hanno deciso di spostarsi da un piccolo appartamento nel centro storico di Torino, hanno cercato una soluzione che accontentasse entrambi: la casa doveva essere abbastanza grande da dare a ogni componente della famiglia lo spazio di cui aveva bisogno e a Walter una piccola bottega per i suoi esperimenti con il legno.

Il living diventa il centro della casa grazie alla luce naturale

“La prima volta che siamo entrati in questa casa ci siamo innamorati della sensazione di apertura che regalava: avevamo davanti uno spazio pronto a essere plasmato a nostro piacimento. C’erano già presenti delle aperture sul tetto che permettevano alla luce di entrare dall’alto e questo conferiva ancora più carattere allo spazio. Così abbiamo deciso di mantenere il grande open space così com’era, inserendo le camere da letto come dei gusci galleggianti realizzati con strutture completamente in legno”- racconta Valeria

Il living è il cuore pulsante della casa ed è proprio al centro dell’open space, sotto quelli che prima erano lucernari industriali e che ora sono diventati una fila di finestre VELUX® affiancate, con un design pulito e moderno. Le nuove finestre isolano dalla città e dai suoi rumori, e lasciano entrare allo stesso tempo uno degli elementi naturali più belli: il cielo azzurro di Torino.

Uno spazio di incontro e condivisione

“Abbiamo spesso ospiti: i miei dalla Toscana, i genitori di Walter dalla Calabria, amici e altri parenti. Per questo volevamo un grande spazio che potesse includere tutta la famiglia e garantire momenti di vera condivisione” - racconta Valeria.

“Le bambine adorano stare sotto le finestre a giocare sui tappeti tutti insieme e anche Walter, che ama la musica, quando può si esercita con il contrabbasso proprio al centro del living perché qui si sente più ispirato, soprattutto la sera: in fin dei conti è affascinante poter vedere le stelle dal salotto di casa”.

Le alte pareti della ex fabbrica e i grandi alberi davanti all’ingresso garantiscono a Valeria e Walter un alto livello di privacy e il giusto distacco dalla città.

Lavorare in città e sentirsi in campagna

“Gli ambienti dell’abitazione e del laboratorio sono separati e connessi da un pozzo di luce che abbiamo aperto nel solaio. Abbiamo ricavato una piccola corte interna dove abbiamo piantato del bambù. Ci piace vederlo crescere e lavorare vedendo la natura che cambia sotto i nostri occhi”.

“Anche sul terrazzo le finestre VELUX® si integrano molto bene con l’ambiente che abbiamo creato con legno, piante e fiori. Le bambine si divertono a disegnare con i gessetti sulla superficie esterna del telaio, che si trasforma in una lavagna per i loro giochi”.

Insomma, Valeria e Walter cercavano una casa di campagna in città e grazie alla trasformazione del loro loft sono riusciti ad ottenere una casa di città immersa nella natura e nella luce naturale.

“Quando suono il contrabbasso sento come un senso di forte attrazione suonare qui sotto la luce.”

Articoli correlati

Mostra tutti gli articoli