Da spazio industriale a casa di famiglia

Un living dove la luce naturale va in scena ogni giorno

IconGuarda il video completo

I protagonisti e proprietari di questa casa sono i Pozzoli, conosciuti come The Pozzolis Family, una famiglia di comici composta dagli attori Alice Mangione e Gianmarco Pozzoli, dalle piccole comparse Olivia Tosca e Giosuè, e dal cagnolino Tachi.

Situata a nord di Milano, in quella che un tempo era una zona industriale della città, la casa dei Pozzolis si trova in un complesso residenziale ricavato all’interno di una ex cartiera, convertita poi in abitazioni moderne e luminose.

Quando la famiglia ha deciso di stabilirsi qui, la ristrutturazione del loro loft si è rivelata impegnativa: le sfide per riuscire a trasformare questo spazio nella loro casa ideale non sono certo mancate. Quella più grande era legata a un sogno che i Pozzolis avevano nel cassetto: creare un vero e proprio palcoscenico in casa, immerso nella luce scenografica del living.

Grazie alla sostituzione di un vecchio lucernario con cinque finestre per tetti piani VELUX ora nel living la luce naturale si esibisce in una scenografia spettacolare, mettendo in risalto lo spazio.

Da spazio industriale a casa di famiglia

“La prima volta che siamo entrati in questa casa, abbiamo pensato che non fosse una casa. Sapevamo che si trattava di un ex spazio industriale, ma ci ha stranito vedere dei soffitti tanto alti in uno spazio così freddo. Però ci è piaciuto molto e abbiamo affrontato la ristrutturazione come una sfida: come trasformare uno spazio freddo in un’abitazione calda e accogliente, con magari anche un angolo dedicato al palcoscenico?” racconta Gianmarco.

“Abbiamo quindi voluto giocare con i soffitti molto alti e mantenere questo concetto di loft, sviluppando la casa su più livelli con diverse destinazioni d’uso: al piano terra abbiamo la zona giorno con la cucina, il living e il palco; al primo piano la zona notte con la nostra camera sul soppalco, la camera dei bambini e il bagno; al piano alto invece il terrazzo” aggiunge Alice.

“Personalmente, il terrazzo è la parte della casa che amo di più, perché nonostante ci troviamo in una zona urbana siamo circondati da molto verde, con alberi e piante che ci schermano tutto intorno e ci danno l’idea di stare un po’ in vacanza, pur restando in città” continua Alice.

“Sul terrazzo poi sono ben visibili le finestre per tetti piani VELUX. Nonostante siano ben cinque, il design si integra perfettamente con l’area relax che abbiamo creato in questa stanza all’aperto” conclude Gianmarco.

Un living che prende vita con la luce naturale

Tra le sfide che hanno affrontato durante la ristrutturazione, i Pozzolis hanno dovuto risolvere un grande problema: si sono resi conto che il lucernario presente nel living, composto da una semplice lastra di vetro installata direttamente nella muratura, andava sostituito.

“Purtroppo per via della natura dell’elemento si stavano creando un sacco di infiltrazioni e muffe e si stava rovinando tutta la superficie intorno all’apertura. Poi non passava più la luce, perché il vetro era diventato ormai opaco. Ci siamo resi conto che dovevamo ricorrere a una soluzione, ma all’inizio non abbiamo pensato che la lastra di vetro potesse essere sostituita da dei veri e propri serramenti” spiega l’attrice.

“Quando invece ci hanno suggerito l’idea di usare delle finestre per tetti VELUX ci siamo chiesti perché non ci avessimo pensato subito. In effetti, appena le abbiamo installate, siamo rimasti scioccati dalla quantità di luce naturale che entrava. Una cosa prima impensabile!”

“Ora la luce ha dato nuova vita a questo spazio trasformandolo in una sorta di secondo palcoscenico dove i protagonisti sono in realtà i raggi del sole che si muovono lungo le pareti, creando, a tutte le ore del giorno, una scenografia spettacolare ed esaltando tutte le cromie che abbiamo scelto per la nostra casa” aggiunge Gianmarco.

“E poi ora possiamo finalmente anche aprire le finestre, cosa che prima era impossibile e che ci mancava molto. Visto che le finestre VELUX sono posizionate in alto, si crea un effetto camino naturale che mantiene questi spazi freschi e ventilati: è grazie a questo che stiamo resistendo in questa estate torrida senza aria condizionata!”.

La luce come fonte d’ispirazione

“Abbiamo voluto sviluppare la nostra professione di comici e attori con una solida presenza sui social, e i nostri contenuti raccontano il lato comico dell’essere una famiglia moderna. Per questo ci troviamo molto spesso a lavorare dentro casa, che per l’occasione diventa anche teatro di posa e location per i nostri video” racconta Alice.

“Da quando abbiamo cambiato il lucernario, nel living si sta meglio e ci passiamo molte più ore. Mi sono stupito di come una semplice operazione abbia cambiato radicalmente la qualità delle ore che passiamo a casa e in questo spazio, oltre a essere esteticamente più stimolante. Qui facciamo spesso delle riunioni con il nostro staff e i collaboratori, e ci siamo resi conto che da quando entra più luce ci concentriamo meglio e siamo più produttivi, oltre che più… solari!” aggiunge Gianmarco.

Luce anche in cameretta

Una delle cinque finestre VELUX installate sul tetto dei Pozzolis illumina la cameretta dei bambini, regno dei piccoli Olivia e Giosuè.

“La cameretta affaccia direttamente sul living. A separarla è una parete completamente in vetro che oltre a permettere un maggiore ingresso di luce, ci permette di vedere cosa fanno i bambini, direttamente dalla nostra camera” spiega Gianmarco.

“Inoltre una delle finestre VELUX sul tetto è posizionata proprio sopra il letto di Olivia, così lei può svegliarsi con la luce del sole e di notte vedere le stelle dal suo lettino” aggiunge Alice.

Insomma, per trasformare gli spazi della casa dei Pozzolis non c’è voluto molto. É bastato sostituire un vecchio vetro che creava problemi e infiltrazioni con cinque finestre VELUX per mettere in scena una nuova protagonista: la luce naturale.

“Abbiamo ridisegnato gli spazi e la luce che viene dall’alto. Adesso abbiamo questi raggi di sole che imbiancano la casa. Le cromie assumono tutto un altro significato”

Articoli correlati

Mostra tutti gli articoli