{{property.PropertyName}}
{{property.casePropertiesSelected[0].PropertyValue}}
planimetria del luogo
Progetto: j+e architectes

Tre amici ed ex compagni di scuola alla facoltà di Architettura in Bretagna hanno deciso di costruire insieme una casa per le loro famiglie. Due di questi, Benjamin Jardel e Nicolas Epaillard, hanno progettato l'edificio, con il loro studio di Architettura j+e architectes. I tre amici hanno trovato e acquistato tre lotti poco distanti dalla cittadina di Erdeven, destinati a tre edifici unifamiliari e hanno ideato un nuovo tipo di alloggio.

Si tratta di quattro unità separate da serre bioclimatiche, che ospitano tre appartamenti, uno spazio comune e un'area uffici. Tutte le aree comuni sono coltivate a prato, ad eccezione dell'orto. Ogni casa ha un giardino privato e un terrazzo.

Fin da subito, il progetto si prospettava innovativo sotto tutti gli aspetti. Ecologico, bassoemissivo, costruito solo con materiali locali, il complesso Les Pieds Verts è una reazione alle innumerevoli case unifamiliari di nuova costruzione e alla ripetizione dell'estetica tradizionale.

Costruire un edificio del genere ha richiesto molti sforzi durante la fase di progettazione, in quanto le normative locali impongono regole severe rispetto ai volumi e ai materiali da costruzione.

Fortunatamente lo studio j+e Architectes è riuscito a far ragionare le autorità sul fatto che le tegole in legno e i tetti verdi si abbinano al paesaggio, così come le pareti bianche e le tegole in ceramica tipiche della regione. A causa dell'altezza limitata del volume e dell'inclinazione obbligatoria del tetto a 45°, la realizzazione di una casa a due piani è stata possibile solo grazie all'uso di finestre per tetti.

Edilizia cooperativa a Erdeven con le finestre per tetti VELUXProgetto: j+e architectes; Foto: Antoine Mercusot

Benjamin Jardel

architetto e proprietario

Durante il processo di progettazione abbiamo prestato attenzione alla quantità di luce naturale in ogni stanza. Il sole entra attraverso le vetrate nelle zone giorno, mentre le finestre per tetti VELUX assicurano un'adeguata quantità di luce nelle camere da letto. La luce naturale mantiene gli spazi in costante contatto con l'ambiente e dà vita alla nostra architettura

Progetto: j+e architectes; Foto: Fanch Galivel

Gli appartamenti combinano i vantaggi di tradizione e innovazione e offrono esperienze spaziali differenti. Pareti in gesso e materiali naturali per i pavimenti lasciano ai proprietari la possibilità di esprimere la propria personalità. 

Tutte e quattro le unità (tre appartamenti e un ufficio) si sviluppano su due piani, con quello superiore illuminato solo dalle finestre per tetti VELUX. L'architetto comunale che ha approvato il progetto ha riconosciuto in questa soluzione l'unica possibilità per dare al tetto una forma tradizionale, lunga e diritta.

Piante e sezioni

Progetto: j+e architectes; Foto: Fanch Galivel

La casa è divisa da tre serre, che immagazzinano calore dalla radiazione solare per restituirlo durante la notte. Un doppio sistema di ventilazione con recupero di calore e uno spesso strato isolante garantisce un clima interno ottimale.

Riciclare o utilizzare risorse biodegradabili è una regola in tutta la casa: paglia e canapa sono state utilizzate per l'isolamento, l'acqua piovana raccolta irriga le serre e le scandole di legno della facciata non sono state sottoposte a trattamenti.

Prodotti VELUX utilizzati in questo progetto
Finestra per tetti VELUX GGL
Dettagli prodotto
Finestra per tetti VELUX INTEGRA® GGL
Dettagli prodotto

Dettagli progetto

Progetto: Edilizia cooperativa
Ubicazione: Erdeven, Francia 
Architetto: Benjamin Jardel & Nicolas Epaillard / j+e architectes
Anno: 2018
Foto: Antoine Mercusot / Franch Galivel 

 

Scarica il pdf del progetto (eng)